Notturno Avana. Mafiosi, giocatori d'azzardo, ballerine e rivoluzionari nella Cuba degli anni cinquanta


Nessun voto inserito per questo testo
  • Voto degli utenti
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prova

Notturno Avana. Mafiosi, giocatori d'azzardo, ballerine e rivoluzionari nella Cuba degli anni cinquanta

9788842815372

Aree tematiche: Storia, SudAmerica

Autori: English T J, Borghese E

Editore: Il Saggiatore

Anno di pubblicazione: 2009

Puoi leggere online con i seguenti abbonamentiz
Bib. Digitale read-me 3 mesi 29.00€ Acquista
Bib. Digitale read-me 6 mesi 39.00€ Acquista
Bib. Digitale read-me 12 mesi 59.00€ Acquista
Contatta la nostra rete vendita per l'acquisto di questo abbonamento

L'Avana, oggi. Imponenti alberghi, sfarzosi o in rovina, ricordano lagrandezza dell'impero eretto dalla mafia dopo la Seconda guerra mondiale,quando, con in tasca la complicità del governo del Presidente FulgencioBatista, Charles \Lucky\ Luciano e Meyer Lansky posero gli occhi su L'Avana.In poco tempo Lansky, l'ebreo americano, trasformò L'Avana nel paradisodell'illegalità: gioco d'azzardo, grandiosi numeri di varietà, performance abase di mambo e sesso attiravano turisti da tutto il mondo, soprattuttodall'euforica America postbellica. Mentre ballerine svestite camminavano perstrada e artisti come Frank Sinatra si esibivano sul palco dell'HotelNacional, Cuba covava sulle colline i germi della Rivoluzione. Il giovaneavvocato Fidel Castro Ruz e il medico argentino Ernesto \Che\ Guevaracospiravano per rovesciare il regime di Batista. E con il \Manifesto dellaSierra Maestra\, il Movimento di Castro si dichiarò nemico giurato della mafiacubana. Sarebbe stata guerra all'ultimo sangue. \Notturno Avana\ svela unastoria mai raccontata. Attraverso interviste agli ultimi testimoni, filmatiinediti e fonti d'archivio, ricostruisce lo scontro militare, politico eculturale, tra la Cuba della mafia e della dissolutezza e quella dellaRivoluzione. T. J. English riavvolge il nastro della memoria fino agli annicinquanta, e con il sapore del romanzo e la veridicità di un'inchiesta ridavita al quadro cangiante e autentico della Cuba di mezzo secolo fa.

Se vuoi inserire un commento devi effetttuare l'accesso