Il figlio della Luna. La vera storia del fisico nucleare Fulvio Frisone


Nessun voto inserito per questo testo
  • Voto degli utenti
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prova

Il figlio della Luna. La vera storia del fisico nucleare Fulvio Frisone

9788842814283

Aree tematiche: Sociologia

Autori: Caporiccio Mauro

Editore: Il Saggiatore

Anno di pubblicazione: 2007

Puoi leggere online con i seguenti abbonamentiz
Bib. Digitale read-me 3 mesi 29.00€ Acquista
Bib. Digitale read-me 6 mesi 39.00€ Acquista
Bib. Digitale read-me 12 mesi 59.00€ Acquista
Contatta la nostra rete vendita per l'acquisto di questo abbonamento

\Mi hanno detto che mio figlio non potrà camminare, che non potrà usare lebraccia e le mani e manco parlare, scrivere. Che maledizione è questa? Io nonti chiedo il miracolo, la guarigione. Fulvio si chiama, non Lazzaro. E non mifrega se non scalerà mai una montagna, se non scenderà mai in fondo al mare. Amio figlio ci basterà poco. Ma sarà mai un uomo? A te lo chiedo: sarà mai unuomo? O anche tu mi dici che devo aspettare, che è meglio rassegnarsi?\ Lucia:siciliana, piccola, sola, disperata. Urla in faccia al crocifisso la suarabbia. Sviene in quella chiesa, ma alla fine trova la forza. Suo figlioFulvio, u' masculu, non lo crescerà come una pianta. \La quinta elementaretengo.\ Ma Lucia insegnerà a Fulvio a leggere, a parlare, a vivere,trascinando nella sua lotta il marito Carmelo, le altre due figlie, e unamiriade di persone incontrate in oltre quarant'anni di battaglie civili per ladignità di suo figlio. Oggi Fulvio Frisone è un fisico nucleare di famamondiale, impegnato a scoprire le nuove frontiere dell'energia pulita. Daragazzo ha frequentato le scuole dei \ragazzi in piedi\; con un pennellomontato sulla testa ha dipinto quadri coi colori della sua terra; con un cascodi cuoio, agitando una bacchetta di metallo su una tastiera, ba usato i primirudimentali computer. Al suo fianco tutta la famiglia Frisone, Lucia in testa.Sempre lei, nemica dei pregiudizi sociali e culturali, delle cattive leggi cheescludono dalla vita quotidiana gli \scimuniti\ e gli \storpiati\.

Se vuoi inserire un commento devi effetttuare l'accesso