Bei sentieri, lente acque. I giardini del Lombardo-Veneto


Nessun voto inserito per questo testo
  • Voto degli utenti
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prova

Bei sentieri, lente acque. I giardini del Lombardo-Veneto

9788842812944

Aree tematiche: Urbanistica e arte del paesaggio

Autori: Conforti Calcagni Annamaria

Editore: Il Saggiatore

Anno di pubblicazione: 2007

Puoi leggere online con i seguenti abbonamentiz
Bib. Digitale read-me 3 mesi 29.00€ Acquista
Bib. Digitale read-me 6 mesi 39.00€ Acquista
Bib. Digitale read-me 12 mesi 59.00€ Acquista
Contatta la nostra rete vendita per l'acquisto di questo abbonamento

Un'esplorazione storica, architettonica e letteraria della cultura deigiardini in Lombardia e Veneto tra fine Settecento e metà Ottocento. Giardinicome espressione di una realtà culturale vasta e articolata, fortementeinfluenzata dalla concezione paesaggistica d'Oltremanica che soppiantò lelinee regolari e geometriche dei giardini all'italiana e introdusse motivi \aeffetto\ come ruderi classici, angoli incolti, grotte e specchi d'acqua diforma irregolare. L'autrice riscopre un affascinante percorso artistico edestetico legato a ogni progetto. Come a Milano, dove, prima dellarealizzazione dei Giardini Pubblici, l'architetto Ercole Silva (amico diCesare Beccaria) evidenziò la funzione spirituale e terapeutica del verdecittadino come \contenimento dell'anima\. Oppure a Menaggio, dove un facoltosobanchiere tedesco commissionò la creazione di sottili rimandi alle \Affinitàelettive\ di Goethe nel giardino di casa sua. Lo stesso Alessandro Manzoni fuun appassionato di botanica e il poeta veronese Ippolito Pindemonte intuì perprimo le potenziali suggestioni ariostesche di Valeggio sul Mincio.

Se vuoi inserire un commento devi effetttuare l'accesso